ELSA MORANTE, MENZOGNA E SORTILEGIO

E’ il romanzo d’esordio della grande narratrice italiana, in cui essa sembra fare i conti con la sua famiglia di origine. Un po’ come I Buddenbrock di Thomas Mann. Ma, mentre quest’ultimo li ammazza tutti uno a uno, la Morante mostra solo che i sentimenti assoluti portano alla rovina. Ognuno dei protagonisti segue follemente il proprio amore infelice, arrivando sostanzialmente alla rovina. Si salvano solo Edoardo, che soddisfa le sue dissolute passioni senza essere mai ossessivo – ammalato, muore, senza che il lettore lo rimpianga molto – e soprattutto la narratrice Elisa, che guarda tutto questo con amorosa pietà. Scritto in modo ricercato, con una lingua quasi dantesca, un po’ acerbo nella struttura, questo romanzo insegna a vivere con leggerezza le nostre passioni. Se i Buddenbrock hanno senz’altro lasciato l’amaro in bocca a quell’antipatico di Mann, destinato poi a scrivere capolavori insuperati come Giuseppe e i suoi fratelli o Il Doctor Faust, la Morante sarà uscita da questa fatica letteraria senz’altro liberata, anche se la sua vita infelice la porterà a scrivere romanzi senza speranza, come La storia e L’isola di Arturo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in LETTERATURA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...