L’INTENSITA’ DELLE EMOZIONI

Quali sono le emozioni più intense? Quella dell’etilista in astinenza di fornte a un boccale di birra, oppure quella di una madre che educa giorno dopo giorno un bambino Dawn fino a fargli vivere una vita con una parvenza di dignità? Quella di un soldato che non vede una donna da mesi di fornte a una bella e procace prostituta, oppure quella di un biochimico che lavora tutta la vita per scoprire la struttura tridimensionale dell’emoglobina? Il senso comune ci direbbe le prime, mentre Platone sostiene con forza che sono le seconde le emozioni più travolgenti. L’intensità di un’emozione è certo proporzionale alla nostra incapacità di resistergli. In questo le prime sono più intense delle seconde. Tuttavia è anche proporzionale alla nostra volontà di accoglierle, e in questo le seconde sono certo più intense delle prime. E’ inoltre proporzionale alla loro durata e in questo le seconde sono ampiamente superiori alle prime; è infine proporzionale alla difficoltà con cui vengono disincentivate, e in questo di nuovo le seconde sono più forti delle prime. Su quattro fattori importanti che abbiamo individuato per valutare l’intensità di un’emozione, solo uno pende a favore della birra dell’etilista e della prostituta del soldato. Qui il senso comune si fa correggere da un buon senso più profondo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in SOCIETA'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...