IL PRIMO COMANDAMENTO

Quelli che noi chiamiamo “i dieci comandamenti” vengono dati a Mosé poco dopo la fuga dall’Egitto, nel deserto (Esodo, XX, 3ss.). Il testo che si impara comunemente a memoria è, invece, nel Deuteronomio ed è leggermente diverso. Nel primo comandamento, Dio, che ha appena aiutato gli ebrei a fuggire dalla schiavitù, dice che Lui sarà il loro Dio. Il secondo che non ci saranno altri dei davanti a lui. Il testo ebraico usa l’espressione “‘al-panai”, che significa appunto di fronte. Già il testo greco, tradotto dai Settanta, cioè da rabbini, usa il termine “plen”, che significa “eccetto”. Questo slittamento è indizio di un’accentuata chiusura di fornte agli altri dei. Non dimentichamo che il popolo ebraico lotta per secoli al fine di raggiungere quello che noi chiamiamo “monoteismo”. “‘al-panai” sembra insistere più sulla grandezza di quel Dio di fronte agli altri, mentre “plen” sembra quasi escludere gli altri dei. E’ da notare anche che Dio, che nel testo è al plurale “elohim”, sta parlando solo con Mosé e tramite lui con il suo popolo. Questo significa che tu Mosé non avrai altro Dio davanti a me. Il discorso di elohim è personale. Non nega che altri abbiano altri dei, ma che tu, a cui mi rivolgo, non avrai altri dei davanti a me.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in FILOSOFIA DELLA RELIGIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...