I FILOSOFI E IL GOVERNO

Platone nella Repubblica prospetta uno stato ideale nel quale i Custodi, cioè i governanti, siano sostanzialmente dei filosofi. Giustamente Popper ha stigmatizzato questo modello, accusandolo di totalitarismo. Per contro, Kant, nel Progetto per una pace perpetua, sostiene che i filosofi non possono stare al governo, perché il potere corrompe inevitabilmente l’uso della ragione. Tuttavia, prosegue il filosofo di Koenigsberg, la cosa migliore sarebbe che i governanti ascoltassero i filosofi. In fondo nella storia questo non è mai accaduto, chissà se funzionerebbe?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in FILOSOFIA POLITICA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...