IL CENTRALISMO DI LENIN

Ancora oggi si sentono molti che si richiamano al pensiero di Lenin; uno per tutti il recente libro di un filosofo ceco, Zizek, dal titolo “Tredici volte Lenin”. Questa affermazione alle mie orecchie suona un po’ come chi volesse rifarsi al pensiero di Alessandro Magno, Giulio Cesare o Napoleone. Si tratta certamente di grandi uomini, che hanno lasciato un segno profondo nella storia, ma che per ottenere questo sono stati causa di enormi ingiustizie. Sistematicamente, nel partito socialista russo, Lenin ha sostenuto posizioni centraliste e antidemocratiche, litigando per questo con uomini della statura di Plechanov, Martov e Trockij. Ha guidato una minoranza, è questa l’origine del termine “bolscevico”, contro la maggioranza “menscevichi”, convinto che solo un’elite conoscesse quello che si doveva fare. In politica lottare contro l’ingiustizia con metodi ingiusti ha avuto quasi sempre il risultato che i metodi ingiusti sono rimasti, mentre la giustizia non è stata ottenuta. La giustizia va innazitutto testimoniata con la propria azione. Quei metodi centralisti sono quelli che hanno aperto la strada a Stalin. E’ in effetti vero che il dispotismo illuminato è meglio della democrazia, cioè una dittatura di un’elite di valore è migliore di una farragginosa democrazia; tuttavia fra i despoti uno su dieci è illuminato, per cui a conti fatti non conviene. In un certo senso, il regime fascista dal 1926, quando il movimentismo si era esaurito, fino al 1935 data della campagna di Etiopia, è stato uno dei migliori governi che l’Italia abbia avuto nel Novecento; peccato che prima è dopo quella stessa dittatura ha compiuto le più nefande ngiustizie.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in FILOSOFIA POLITICA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...