UN ANTIDOTO ALL’OMEOPATIA

L’omeopatia dilaga nelle nostre società, benché sia noto che, dal punto di vista farmacologico, è del tutto inefficace. Essa alleggerisce le tasche dei cittadini, che vengono così turlupinati. Molti osservano, però, che ha una certa efficacia terapeutica, che può essere con ogni probabilità spiegata con l’effetto placebo. Inoltre l’omeopata segue con maggiore attenzione il malato – è sul mercato, non come i medici di base, fra i quali non sussiste di fatto concorrenza – lo ascolta e lo consiglia. Questa attenzione umana ha senz’altro un parziale effetto terapeutico. C’è tuttavia forse un altro fattore che spiega in parte questo rivolgersi dei pazienti all’omeopatia. Fondata da Heinemann alla fine del Settecento, essa riprendeva il vecchio concetto di Paracelso, secondo cui il simile si cura con il simile, aggiungendovi però l’idea che l’immensamente piccolo può avere effetti immensamente grandi e un’attenzione globale per il paziente e la malattia, che si contrapponeva decisamente al carattere sempre più analitico che la medicina stava cominciando a intraprendere proprio in quegli anni. Il paziente non è un corpo, ma un soggetto. E questo purtroppo nella pratica medica del sistema sanitario nazionale viene spesso trascurato, forse per scarse risorse, ma anche per un male impostato rapporto fra medico e paziente. In questa lacuna lasciata dal SSN si insinua l’omeopatia, con la sua maggiore attenzione alla psicologia del paziente. Ma c’è di più. Quando all’inizio dell’800 Laennec introdusse lo stetoscopio, forse il primo strumento endoscopico nella storia della medicina, esso andò incontro a una forte diffidenza, non solo da parte dei medici, ma anche da parte dei pazienti. Qualcosa si frapponeva al diretto rapporto fra il malato e il terapeuta. Inoltre il lungo processo che ha portato dalla medicina delle erbe – i cosiddetti “semplici” – a quella dei principi attivi, ovvero ha disaggregato l’analisi ippocratica nei termini di quattro umori, facilmente descrivibili e visibili, in una miriade di sostanze invisibili, i farmaci e i metaboliti del corpo umano, ha portato il paziente di fronte a un’astrazione e idealizzazione radicale del modello di spiegazione del corpo e della terapia. Infine l’interventismo della chirurgia, quasi sempre praticata in anestesia totale, cioè su un corpo fenomenologicamente privato della sua vitalità, ha messo il paziente di fronte a un profondo senso di estraneazione. Come diceva Husserl nelle prime pagine della sua ultima grande opera, La crisi, la scienza moderna, che si avvale di concetti astratti e ideali, è lontana dal nostro mondo-della-vita. Per superare la crisi epocale in cui ci troviamo, dobbiamo riappropiarci dei processi di astrazione e di idealizzazione che sono alla base delle concettualizzazioni scientifiche. Forse se nella formazione del cittadino facessimo maggiore attenzione a questi processi e tematizzassimo tali legami con il mondo-della-vita, allora la diffidenza di fronte alle procedure della moderna medicina sperimentale in parte diminuirebbe.

Annunci

5 commenti

Archiviato in FILOSOFIA DELLA SCIENZA, SOCIETA'

5 risposte a “UN ANTIDOTO ALL’OMEOPATIA

  1. Io non butterei via tutta l’omeopatia. Concordo sullo scetticismo verso quella parte che vorrebbe farmi credere che un principio attivo diluito un centinaio di volte manterrà alla fine la sua validità terapeutica. Però quei farmaci che risultano essere degli estratti di erbe utili a curare i piccoli malanni sarei propenso per promuoverli ulteriormente.
    Io sono allergico a farmaco, quasi qualisiasi cosa che non sia l’Aulin, e se capita uso medicine omeopatiche. Per ora mi son sempre trovato bene e ho avuto ottimi risultati, ma come detto si trattava di preparati alle erbe per cose come mal di gola o simili. In pratica dei rimedi della nonna in forma di botticino.

  2. Beh quelle non sono omeopatiche, ma fitofarmaci, dei quali la propaganda omeopatica si è appropriata. occorre anche dire che spesso la medicina scientifica si è appropriata di cure della medicina popolare.

  3. Lorenzo

    Anche se a lei piace filosofeggiare sarebe buona cosa che studiasse le materie che si appresta a denigrare, l’efficacia dell’omeopatia è ormai inconfutabile e chi dice che non ci sono prove scientifiche o è ignorante o è in malafede…

  4. Lorenzo indicami uno studio serio in cui si riscontri effetto terapeutico delle cure omeopatiche a doppio cieco, cioè escludendo l’effetto placebo.

  5. Nahyl

    è lo scritto di un ignorante e provinciale.
    io ho curato il mio cane con l’omeopatia da un linfoma canceroso e per gravi problemi di artrosi.
    risultato: l’animale sta benissimo e ha raggiunto i 5 anni dalla diagnosi, cioè il triplo dell’aspettativa di vita che avrebbe avuto con un linfoma.
    certo può essere un caso.

    ma ecco una cosa che non si può spiegare dicendo che è un caso.
    ad ogni recidiva infiammatoria da artrosi, ripeto, grave da rimanere paralizzata e perdere sensibilità agli arti posteriori, con la somministrazione di estratto di articolazione dell’anca 4 ch, torna a camminare dopo 3 giorni, e la recidiva si ripresenta dopo mesi o anni. questa è una cosa ripetibile.
    e chiamalo placebo…………………….

    in più io anni fa, sono guarito da asma ed allergie: è bastato un mese di terapia, mai più recidivato, e le mie allergie erano abbastanza serie.

    vedete voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...