IL DOPPIO RAZZISMO DEGLI ANTI-ISRAELIANI

C’è una sottile forma di doppio razzismo nel criminalizzare Israele senza chiedere con forza ai palestinesi di smetterla e di riconoscere lo stato ebraico. Da un lato si pretende troppo dagli israeliani, che sono esattamente come noi, cioè degli uomini guidati dalla loro volontà di potenza, di certo non più morali degli altri, ma neanche meno. Dall’altro sembra quasi che i palestinesi siano talmente inetti moralmente da non essere in grado di organizzarsi democraticamente e di capire che riconoscere Israele è, a questo punto, non solo meglio per loro, ma anche una forma di giustizia.

Advertisements

3 commenti

Archiviato in POLITICA

3 risposte a “IL DOPPIO RAZZISMO DEGLI ANTI-ISRAELIANI

  1. faberex

    he Israele stia occupando i territori che no le sono stati assegnati dall’ONU e’ un fatto, non un’opinione. Anche le deportazioni sono un fatto documentato nelle 73 risoluzioni delle Nazioni Unite disattese da Israele, qui citate e non commentate.

    Principali risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che esprimono condanna all’operato di Israele.

    RISOLUZIONE N. 93 (18 MAGGIO 1951)Il CS decide che ai civili arabi che sono stati trasferiti dalla zona smilitarizzata dal governo di
    Israele deve essere consentito di tornare immediatamente nelle loro case e che la Mixed Armistice Commission deve supervisionare il loro
    ritorno e la loro reintegrazione nelle modalita’ decise dalla Commissione stessa.

    RISOLUZIONE N. 101 (24 NOVEMBRE 1953)Il CS ritiene che l’azione delle forze armate israeliane a Qibya del 14-15ottobre 1953 e tutte le
    azioni simili costituiscano una violazione del cessate-il-fuoco (risoluzione 54 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU); esprime la piu’
    forte censura per questa azione, che puo’ pregiudicare le possibilita’ di soluzione pacifica; chiama Israele a prendere misure
    effettive per prevenire tali azioni.

    RISOLUZIONE N. 106 (29 MARZO 1955)Il CS osserva che un attacco premeditato e pianificato ordinato dalle autorita’ israeliane e’
    stato commesso dalle forze armate israeliane contro le forze armate egiziane nella Striscia di Gaza il 28 febbraio 1955 e condanna questo
    attacco come una violazione del cessate-il-fuoco disposto dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

    RISOLUZIONE N. 111 (19 GENNAIO 1956)Il CS ricorda al governo israeliano che il Consiglio ha gia’ condannato le azioni militari che
    hanno rotto i Trattati dell’Armistizio Generale e ha chiamato Israele a prendere misure effettive per prevenire simili azioni;
    condanna l’attacco dell’11 dicembre 1955 sul territorio siriano come una flagrante violazione dei provvedimenti di cessate-il-fuoco della
    risoluzione 54 (1948) e degli obblighi di Israele rispetto alla Carta delle Nazioni Unite; esprime grave preoccupazione per il venire meno
    ai propri obblighi da parte del governo israeliano.

    RISOLUZIONE N. 127 (22 GENNAIO 1958)Il CS raccomanda ad Israele di sospendere la “zona di nessuno” a Gerusalemme.

    RISOLUZIONE N. 162 (11 APRILE 1961)Il CS chiede urgentemente ad Israele di rispettare le decisioni delle Nazioni Unite.

    RISOLUZIONE N. 171 (9 APRILE 1962)Il CS riscontra le flagranti violazioni operate da Israele nel suo attacco alla Siria.

    RISOLUZIONE N. 228 (25 NOVEMBRE 1966)Il CS censura Israele per il suo attacco a Samu, in Cisgiordania, sotto il controllo giordano.

    RISOLUZIONE N. 237 (14 GIUGNO 1967)Il CS chiede urgentemente a Israele di consentire il ritorno dei nuovi profughi palestinesi del
    1967.

    RISOLUZIONE N.242 (22 novembre 1967) Adottata dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu (UN Security Council) a seguito della Guerra dei
    Sei�Giorni. La risoluzione fu elaborata dall’ambasciatore britannico, Lord Caradon. Essa chiedeva il raggiungimento di “una
    pace giusta e duratura in Medio Oriente” attraverso “l’applicazione dei seguenti principi: ritiro delle forze armate israeliane dai
    territori occupati nel recente conflitto, la fine di tutte gli stati di belligeranza, il rispetto del diritto di ogni Stato nell’area a
    vivere in pace entro confini sicuri e riconosciuti”.

    RISOLUZIONE N. 248 (24 MARZO 1968)Il CS condanna Israele per il suo attacco massiccio contro Karameh, in Giordania.

    RISOLUZIONE N. 250 (27 APRILE 1968)Il CS ingiunge a Israele di astenersi dal tenere una parata militare a Gerusalemme.

    RISOLUZIONE N. 251 (2 MAGGIO 1968)Il CS deplora profondamente la parata militare israeliana a Gerusalemme, in spregio alla risoluzione
    250.

    RISOLUZIONE N. 252 (21 MAGGIO 1968)Il CS dichiara non valido l’atto di Israele di unificazione di Gerusalemme come capitale ebraica.

    RISOLUZIONE N. 256 (16 AGOSTO 1968)Il CS condanna gli attacchi israeliani contro la Giordania come flagranti violazioni.

    RISOLUZIONE N. 259 (27 SETTEMBRE 1968)Il CS deplora il rifiuto israeliano di accettare una missione dell’ONU che verifichi lo stato
    di occupazione.

    RISOLUZIONE N. 262 (31 DICEMBRE 1968)Il CS condanna Israele per
    l’attacco all’aeroporto di Beirut.

    RISOLUZIONE N. 265 (1 APRILE 1969)Il CS condanna Israele per gli
    attacchi aerei su Salt in Giordania.

    RISOLUZIONE N. 267 (3 LUGLIO 1969)Il CS censura Israele per gli atti
    amministrativi tesi a cambiare lo status di Gerusalemme.

    RISOLUZIONE N. 270 (26 AGOSTO 1969)Il CS condanna Israele per gli
    attacchi aerei sui villaggi del Sud del Libano.

    RISOLUZIONE N. 271 (15 SETTEMBRE 1969)Il CS condanna Israele per non
    aver obbedito alle risoluzioni dell’ONU su Gerusalemme.

    RISOLUZIONE N. 279 (12 MAGGIO 1969)Il CS chiede il ritiro delle forze
    israeliane dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 280 (19 MAGGIO 1969)Il CS condanna gli attacchi
    israeliani contro il Libano.

    RISOLUZIONE N. 285 (5 SETTEMBRE 1970)Il Cs chiede l’immediato ritiro
    israeliano dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 298 (25 SETTEMBRE 1971)Il CS deplora che Israele abbia
    cambiato lo status di Gerusalemme.

    RISOLUZIONE N. 313 (28 FEBBRAIO 1972)Il CS chiede che Israele ponga
    fine agli attacchi contro il Libano.

    RISOLUZIONE N. 316 (26 GIUGNO 1972)Il CS condanna Israele per i
    ripetuti attacchi sul Libano.

    RISOLUZIONE N. 317 (21 LUGLIO 1972)Il CS deplora il rifiuto di
    Israele di rilasciare gli Arabi rapiti in Libano.

    RISOLUZIONE N. 332 (21 APRILE 1973)Il CS condanna i ripetuti attacchi
    israeliani contro il Libano.

    RISOLUZIONE N. 337 (15 AGOSTO 1973)Il CS condanna Israele per aver
    violato la sovranita’ del Libano.

    RISOLUZIONE N. 338 (22 ottobre 1973) approvata dal Consiglio di
    Sicurezza delle Nazioni Unite, chiedeva il cessate il fuoco a seguito
    della Guerra dello Yom Kippur War (o Guerra di Ramadan). La
    risoluzione afferma:

    The Security Council
    1. Calls upon all parties to the present fighting to cease all firing
    and terminate all military activity immediately, no later than 12
    hours after the moment of the adoption of this decision, in the
    positions they now occupy;
    2. Calls upon the parties concerned to start immediately after the
    cease-fire the implementation of Security Council Resolution 242
    (1967) in all of its parts;
    3. Decides that, immediately and concurrently with the cease-fire,
    negotiations shall start between the parties concerned under
    appropriate auspices aimed at establishing a just and durable peace
    in the Middle East.�

    RISOLUZIONE N. 347 (24 APRILE 1974)Il CS condanna gli attacchi
    israeliani sul Libano.

    RISOLUZIONE N. 425 (19 MARZO 1978)Il CS ingiunge a Israele di
    ritirare le sue forze dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 427 (3 MAGGIO 1979)Il CS chiama Israele al completo
    ritiro delle proprie forze dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 444 (19 GENNAIO 1979)Il CS deplora la mancanza di
    cooperazione di Israele con il contingente di peacekeeping dell’ONU.

    RISOLUZIONE N. 446 (22 MARZO 1979)Il CS determina che gli
    insediamenti israeliani sono un grave ostacolo alla pace e chiama
    Israele al rispetto della Quarta Convenzione di Ginevra.

    RISOLUZIONE N. 450 (14 GIUGNO 1979)Il CS ingiunge a Israele di porre
    fine agli attacchi contro il Libano.

    RISOLUZIONE N. 452 (20 LUGLIO 1979)Il CS ingiunge a Israele di
    smettere di costruire insediamenti nei territori occupati.

    RISOLUZIONE N. 465 (1 MARZO 1980)Il CS deplora gli insediamenti
    israeliani e chiede a tutti gli stati membri di non sostenere il
    programma di insediamenti di Israele.

    RISOLUZIONE N. 467 (24 APRILE 1980)Il CS deplora con forza
    l’intervento militare israeliano in Libano.

    RISOLUZIONE N. 468 (8 MAGGIO 1980)Il CS ingiunge a Israele di
    annullare le espulsioni illegali di due sindaci e un giudice
    palestinesi, e di facilitare il loro ritorno.

    RISOLUZIONE N. 469 (20 MAGGIO 1980)Il CS deplora con forza la non
    osservanza da parte di Israele dell’ordine di non deportare
    Palestinesi.

    RISOLUZIONE N. 471 (5 GIUGNO 1980)Il CS esprime grave preoccupazione
    per il non rispetto da parte di Israele della Quarta Convenzione di
    Ginevra.

    RISOLUZIONE N. 476 (30 GIUGNO 1980)Il CS ribadisce che le
    rivendicazioni israeliane su Gerusalemme sono nulle.

    RISOLUZIONE N. 478 (20 AGOSTO 1980)Il CS censura con la massima forza
    Israele per le rivendicazioni su Gerusalemme contenute nella
    sua “Legge Fondamentale”.

    RISOLUZIONE N. 484 (19 DICEMBRE 1980)Il CS formula l’imperativo che
    Israele riammetta i due sindaci palestinesi deportati.

    RISOLUZIONE N. 487 (19 GIUGNO 1981)Il CS condanna con forza Israele
    per l’attacco alle strutture nucleari dell’Iraq.

    RISOLUZIONE N. 497 (17 DICEMBRE 1981)Il CS dichiara nulla
    l’annessione israeliana delle Alture del Golan e chiede ad Israele di
    annullare immediatamente la propria decisione.

    RISOLUZIONE N. 498 (18 DICEMBRE 1981)Il CS ingiunge a Israele di
    ritirarsi dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 501 (25 FEBBRAIO 1982)Il CS ingiunge a Israele di
    interrompere gli attacchi contro il Libano e di ritirare le sue
    truppe.

    RISOLUZIONE N. 509 (6 GIUGNO 1982)Il CS chiede che Israele ritiri
    immediatamente e incondizionatamente le sue forze dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 515 (19 GIUGNO 1982)Il CS chiede che Israele tolga
    l’assedio a Beirut e consenta l’entrata di rifornimenti alimentari.

    RISOLUZIONE N. 517 (4 AGOSTO 1982)Il CS censura Israele per non aver
    ubbidito alle risoluzioni dell’ONU e chiede ad Israele di ritirare le
    sue forze dal Libano.

    RISOLUZIONE N. 518 (12 AGOSTO 1982)Il CS chiede ad Israele piena
    cooperazione con le forze dell’ONU in Libano.

    RISOLUZIONE N. 520 (17 SETTEMBRE 1982)Il CS condanna l’attacco
    israeliano a Beirut Ovest.

    RISOLUZIONE N. 573 (4 OTTOBRE 1985)Il Cs condanna vigorosamente
    Israele per i bombardamenti su Tunisi durante l’attacco al quartier
    generale dell’OLP.

    RISOLUZIONE N. 587 (23 SETTEMBRE 1986)Il CS ricorda le precedenti
    richieste affinche’ Israele ritirasse le sue
    forze dal Libano e chiede con urgenza a tutte le parti di ritirarsi.

    RISOLUZIONE N. 592 (8 DICEMBRE 1986)Il CS deplora con forza
    l’uccisione di studenti palestinesi dell’Universita’ di Birzeit ad
    opera delle truppe israeliane.

    RISOLUZIONE N. 605 (22 DICEMBRE 1987)Il CS deplora con forza le
    politiche e le pratiche israeliane che negano il diritti umani dei
    Palestinesi.

    RISOLUZIONE N. 607 (5 GENNAIO 1988)Il CS ingiunge a Israele di non
    deportare i Palestinesi e gli chiede con forza di rispettare la
    Quarta Convenzione di Ginevra.

    RISOLUZIONE N. 608 (14 GENNAIO 1988)Il CS si rammarica profondamente
    che Israele abbia sfidato l’ONU e deportato civili palestinesi.

    RISOLUZIONE N. 636 (14 GIUGNO 1989)Il CS si rammarica profondamente
    della deportazione di civili palestinesi da parte di Israele.

    RISOLUZIONE N. 641 (30 AGOSTO 1989)Il CS deplora che Israele continui
    nelle deportazioni di Palestinesi.

    RISOLUZIONE N. 672 (12 OTTOBRE 1990)Il CS condanna Israele per
    violenza contro i Palestinesi a Haram
    al-Sharif/Tempio della Montagna.

    RISOLUZIONE N. 673 (24 OTTOBRE 1990)Il CS deplora il rifiuto
    israeliano di cooperare con l’Onu.

    RISOLUZIONE N. 681 (20 DICEMBRE 1990)Il CS deplora che Israele abbia
    ripreso le deportazioni di Palestinesi.

    RISOLUZIONE N. 694 (24 MAGGIO 1991)Il CS deplora la deportazione di
    Palestinesi ad opera di Israele e ingiunge ad Israele di assicurare
    loro un sicuro e immediato ritorno.

    RISOLUZIONE N. 726 (6 GENNAIO 1992)Il CS condanna con forza la
    deportazione di Palestinesi ad opera di Israele.

    RISOLUZIONE N. 799 (18 DICEMBRE 1992)Il CS condanna con forza la
    deportazione di 413 Palestinesi da parte di Israele e chiede il loro
    immediato ritorno.

    RISOLUZIONE N. 904 (18 MARZO 1994)Il CS: sconcertato dallo spaventoso
    massacro commesso contro fedeli palestinesi nella Moschea Ibrahim di
    Hebron il 25 febbraio 1994, durante il Ramadan; gravemente
    preoccupato dai conseguenti incidenti nei territori palestinesi
    occupati come risultato del massacro, che evidenzia la necessita’ di
    assicurare protezione e sicurezza al popolo palestinese;
    prendendo atto della condanna di questo massacro da parte della
    comunita’ internazionale; riaffermando le importanti risoluzioni
    sulla applicabilita’ della Quarta Convenzione di Ginevra ai territori
    occupati da Israele nel giugno 1967, compresa Gerusalemme, e le
    conseguenti responsabilita’ israeliane.
    Condanna con forza il massacro di Hebron e le sue conseguenze, che
    hanno causato la morte di oltre 50 civili palestinesi e il ferimento
    di altre centinaia e ingiunge ad Israele, la potenza occupante, di
    applicare misure che prevengano atti illegali di violenza da parte di
    coloni israeliani, come tra gli altri la confisca delle armi.

    RISOLUZIONE N. 1402 (30 MARZO 2002)Il CS chiede alle truppe
    israeliane di ritirarsi dalle citta’ palestinesi, compresa Ramallah.

    RISOLUZIONE N. 1403 (4 APRILE 2002)Il CS chiede che la risoluzione
    1402 (2002) sia applicata senza ulteriori ritardi.

    RISOLUZIONE N. 1405 (19 APRILE 2002)Il CS chiede che siano tolte le
    restrizioni imposte, soprattutto a Jenin,alle operazioni delle
    organizzazioni umanitarie, compreso il Comitato Internazionale della
    Croce Rossa e l’Agenzia dell’ONU per l’Assistenza e il Lavoro per i
    Profughi Palestinesi in Medio Oriente (Unrwa).

    RISOLUZIONE N. 1435 (24 SETTEMBRE 2002)Il CS chiede che Israele ponga
    immediatamente fine alle misure prese nella citta’ di Ramallah e nei
    dintorni, che comprendono la distruzione delle infrastrutture civili
    e di sicurezza palestinesi; chiede anche il rapido ritiro delle forze
    di occupazione israeliane dalle citta’ palestinesi e il loro ritorno
    alle posizioni tenute prima di settembre 2000.
    PER ORA PUO BASTARE????????????
    Fonti:
    1. Paul Findley, Deliberate Deceptions: Facing the Facts about the US/Israeli Relationship (Chicago: Lawrence Hill, 1993)
    2. http://www.un.org/documents/scres.html
    Tante altre notizie su http://www.ariannaeditrice.it

  2. Nel 1948 sono stati gli arabi in massa a non accettare la risoluzione dell’ONU che costituiva lo stato di Israele, dichiarando guerra al neo costituito stato e si Al Fatah sia l’OLP hanno nel loro statuto la totale distruzione di Israele. Caro Faberex, forse dovresti riflettere su questi fatti. Certo Israele ha gravi colpe. Ma, mi chiedo, perchè sottolinei solo quelle di Israele? I palestinesi non hanno colpe? Sei sicuro? Prova a pensarci.

  3. caro Faberex dai l’impressione di chi vuole spicciare le questioni chiedendosi brevemente chi sia il nano e chi sia il gigante. Il tuo e’ uno stato della mente legittimo e ben motivato da una morale che vuole il trionfo delle forze del bene contro quelle del male. Prova a fare un passo avanti e vedere se le ragioni dei contendenti per caso piu’ che contraddirsi, si sommino. La trasformazione che crea quella sommatoria, a mio avviso, e’ soluzione alta e non brutale al conflitto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...