IL ROVO E LA FORESTA

Lavorando in giardino, si vede che, se non si interviene per qualche anno, la vitalba e i rovi prendono il sopravvento su tutto. E allora viene da pensare che se l’uomo è parte della natura, anche nella società umana, se non c’è una provvidenza che se ne occupi, dominerà la disarmonia, le spine e il parassitismo. Preso da questi tristi pensieri, mi sono reso conto della loro ovvia erroneità ecologica. Prima dell’intervento dell’uomo, parti immense della Terra erano ricoperte da splendide foreste secolari, per cui alla lunga i rovi e la vitalba devono cedere il passo alle querce, ai faggi e alle conifere. Questo significa che quell’unico virgulto che faticosamente si fa strada in mezzo alle spine e ai parassiti, diventerà immenso e si moltiplicherà fino a creare un tetto ombroso straordinario, sotto il quale i tristi cespugli non possono che soccombere. E allora, se l’uomo fa parte della natura, anche in lui e nelle sue società c’è qualcosa che alla lunga dà un senso al tutto suo da fare.

Advertisements

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “IL ROVO E LA FORESTA

  1. sara

    Bello, molto bello!
    Anche se centra poco mi permetto di segnalare un sito in costruzione http://www.alberiedintorni.it/ di Federico Peiretti, matematico. L’ho sentito parlare della sua passione per gli alberi secolari al Festival della matematica

  2. Alfredo

    I rovi e la vitalba sono considerate infestanti solo agli occhi di noi uomini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...