IL POTERE CAUSALE DELLA TRADIZIONE

Nei lavori di scienze umane si utilizzano spesso concetti tipo “modernità liquida”, “mentalità moderna”, “società postfordista”, “tradizione letteraria”, “immaginario collettivo” ecc. Tutta questa terminologia merita una certa attenzione epistemologica. Bisogna essere molto prudenti. Innanzitutto sono concetti che avrebbero bisogno di una definizione abbastanza precisa, mentre spesso si identificano semplicemente con un libro di qualche autore. Per contro uno scienziato umano dovrebbe introdurre in modo circostanziato un certo concetto e poi mostrarne l’utilità nel suo campo di indagine. In secondo luogo, se, come spesso accade, questi concetti hanno una valenza collettiva, bisogna essere molto prudenti nell’attribuir loro una capacità causale. E’ abbastanza chiaro, anche se in parte problematico, che una certa palla da biliardo cozzando conrto un’altra causi il suo movimento. E’ anche comprensibile che un’offesa causi una reazione. Ma è discutibile che la mentalità razzista comporti certi comportamenti come dare fuoco a un campo di nomadi. Alcuni sostengono, come maurizio Ferraris, che esistono delle intenzioni collettive. Ad esempio, la banconota da 500 euro ha un valore per tutti gli uomini, perché è animata da un intenzione collettiva. E’ assolutamente chiaro che è molto diffcile spiegare in modo analitico come mai quella banconota abbia valore ed è molto più semplice farla oggetto di un’intenzionalità collettiva. però a me sembra una scorciatoia. Un po’ come quando si dice che il vetro è fragile, ma questa non è una spiegazione del fatto che il vetro, se picchiato con violenza, si rompa. Per spiegarlo, occorre fare riferimento alla sua particolare configurazione cristallina, mentre il termine “fragile” semplicemente riassume la sua disposizione a un certo comportamento. A proposito di questi termini collettivi, seguendo Max Weber, direi che essi sono dei tipi ideali, cioè dei concetti astratti, dei modelli, che ci aiutano a capire meglio quello che sta accadendo. Ricordiamoci però che le scienze umane, a differenza di quelle naturali, sono interessate soprattutto all’individuo. Non ci importa tanto la legge che governa le rivoluzioni, ma il preciso processo che ha seguito, ad esempio, la rivoluzione francese. Oppure, non ci interessa tanto la metrica in generale, ma la metrica di Plauto. Per occuparci di queste singole situazioni può essere di grande aiuto utilizzare dei tipi ideali, come ad esempio i famosi prototipa introdotti dagli alessandrini per capire la metrica dei cantica nella tragedia greca classica. Questi tipi ideali, però, non hanno realtà effettiva, sono invece categorie interpretative che noi utilizziamo per mettere ordine nel complicatissimo ambito dei comportamenti umani.
Alcuni potrebbero però obbiettare che quando affermiamo, ad esempio, che la tradizione del dolce stil novo portò Dante a dire che Beatrice “tanto onesta pare”, con il termine “tradizione del dolce stil novo” ci si riferisce a una serie di comportamenti linguistici di poeti precedenti e coevi a Dante, che effettivamente hanno influenzato l’autore della Commedia. Questo argomento non funziona, perché quando diciamo “la tradizione del dolce stil novo” non ci riferiamo a un preciso insieme di comportamenti linguistici, ché altrimenti non sarebbe un concetto, né a un insieme di fatti, bensì stiamo utilizzando un modello astratto, che può trovare in concreto esemplificazioni più o meno precise. Tale modello non può avere un potere causale, non può influenzare Dante. Ciò che influenza Dante è un preciso insieme di fatti poetici, che noi possiamo considerare più o meno come un esempio di “tradizione del dolce stil novo”.

Annunci

1 Commento

Archiviato in FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Una risposta a “IL POTERE CAUSALE DELLA TRADIZIONE

  1. Pingback: LO SPIRITO DEI GRECI « VIVERESTPHILOSOPHARI di Vincenzo Fano, Professore di logica e filosofia della scienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...