“L’OMBRA DI QUEL CHE ERAVAMO”

Ho letto il romanzo da poco uscito di Luis Sepulveda, “L’ombra di quel che eravamo”, Guanda. Di lui avevo letto con piacere “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, un vero e proprio inno alla letteratura, e “La gabbianella e il gatto”, una bella favola ecologica per bambini, dalla quale hanno tratto anche un film. Tre vecchi militanti cileni, distrutti dal golpe di Pinochet, si ritrovano per fare ancora un colpo. Il romanzo è pervaso da uno spirito anarchico – lo specialista, il personaggio più ammirato dall’autore, è appunto un vecchio anarchico. Esilarante la presa in giro dei luoghi comuni dei militanti comunisti e toccanti i riferimenti alle violenze del regime fascista. Convenzionale e posticcio l’aspetto giallistico introdotto dall’autore.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in LETTERATURA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...