LA SPERANZA E’ L’ULTIMA A MORIRE

In questi ultimi 20 anni della politica italiana si ha la sensazione che la classe politica sia andata sempre più degenerando, diventando sempre più corrotta, arraffona e priva di progetti. Nel frattempo, però, il paese, sottoposto alle razionalizzazioni e restrizioni dovute all’enorme debito pubblico contratto negli anni Ottanta, è stato costretto a una progressiva benrfica per certi versi dieta dimagrante. Guardandosi in giro, infatti, si ha la sensazione che, mentre i più grandi imprenditori, banchieri  e politici siano imbelli e incapaci, a livello medio-alto si sia formata una classe dirigente intermedia, che è molto più efficace e seria di quella della generazione precedente. E se il paese non è ancora andato del tutto a remengo credo sia merito di queste persone. Se così stanno le cose, allora c’è un filo di speranza nei tempi medio-lunghi: cioè, mediante un meccanismo tipo dialettica servo-padrone, è possibile che la classe intermedia prenda il sopravvento sulle oligarchie tuttora dominanti. Questo lo penso quando sono un po’ su di morale, perchè altrimenti, per l’Italia c’è poco da sperare.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in POLITICA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...