FREEDOM FLOTTILIA

Secondo la versione palestinese dell’accaduto, gli israeliani avrebbero iniziato a sparare appena saliti a bordo delle navi, colpendo anche la gente che stava dormendo! Secondo gli israeliani, invece, al loro intimare di fermarsi per la perquisizione, la gente dalla nave avrebbe risposto in modo violento.
Di certo non condivido la politica estera di Israele, ma condivido ancor meno quella di Hamas, che ha una struttura dittatoriale e teocratica.
Israele, per quanto uno stato in guerra da 60 anni, è più o meno una democrazia. Di certo un paese più democratico del nostro, ad esempio. La parola democrazia all’interno di Hamas, che domina la striscia di Gaza, non esiste neppure.
Da tutto questo è abbastanza ragionevole dedurre che le navi abbiano cercato effettivamente lo scontro, o perché portavano anche armi, come Israele sostiene, o per il vantaggio di immagine politica, che poi hanno effettivamente ottenuto.
So che le viscere di molte persone in Italia impediscono loro di ragionare con obbiettività su quello che accade. Prova ne è la manifestazione di ieri a Bologna, riferita da radio città del capo, che gridava insulti alla sinagoga della città!
E’ triste vedere come alla violenza terribile di quel conflitto, che, in un certo senso, è nato dalla violenza nazista, molti continuino ad aggiungere altra violenza.

Annunci

2 commenti

Archiviato in POLITICA

2 risposte a “FREEDOM FLOTTILIA

  1. Trovo difficile dare un’opinione in merito all’accaduto. Di sicuro la Flottilla sapeva a quali rischi andava incontro cercando di forzare un blocco navale militare, seppur tale blocco sia “illegale” rispetto agli accordi internazionali. Capisco la buona volontà umanitaria ma forse cercare strade meno al limite gioverebbe a tutti.
    Israele ha sbagliato completamente l’operazione: sembra una di quelle operazioni fatte di fretta, non pianificate che finiscono con il patatrac. Un’operazione di polizia, lacrimogeni e dispersione della folla sarebbe stata la miglior soluzione. Forse non era necessario nemmeno assalire le navi: gli piazzi davanti un torpediniere e vediamo se hanno il coraggio di passare dopo la prima bordata d’avvertimento.

    La faccenda resta comunque grave. Personalemente non mi sono simpatici nè i palestinesi nè gli israeliani. Una volta avrei proposto la nuclearizzazione della regione, tanto per eliminare ogni problema. Ora proporrei, siccome evidentemente la pace non riescono a garantirsela, che ognuno si faccia i fatti suoi. Israele costruisca un bel muro attorno ai suoi confini e proibisca l’ingresso ai cittadini palestinesi; se vuole che espella anche quelli attualemnte residenti a Gerusalemme. Gaza avrà la sua libertà e lo scambio libero di merci e persone, salvo con Israele. Vediamo dopo qualche decennio chi se la passerà meglio.

    Sul fatto che il conflitto ora in atto sia nato dalla violenza nazista avrei da ridire. Penso che l’errore sia stato quello di aver dato agli israeliani una terra che non era più storicamente loro. Da secoli infatti era territorio arabo.

  2. Sì Kara la scelta sbagliata dell’ONU nel 1947 fu dovuta al senso di colpa di tutte le nazioni del mondo che chi più chi meno avevano collaborato allo sterminio hitleriano degli ebrei o comunque non lo avevano fermato. Per questo la shoa è alla base della creazione dello stato d’Israele. Dalla violenza di hitler sugli ebrei è nata la violenza dell’ONU sugli arabi ecc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...