COME SONO ANDATE LE COSE?

Quando ci fermiamo a pensare al bilancio su qualcosa che ci è capitato possiamo provare a fare il seguente esperimento mentale: come sarebbero andate le cose se non avessimo partecipato? sarebbe stato meglio, uguale o peggio? Se la risposta è la prima, anche se le cose nell’insieme non sono andate in modo soddisfacente, tutto sommato possiamo dire che la nostra valutazione globale sia positiva. Questo ci aiuta, perché noi spesso ancoriamo le nostre valutazioni a un benchmark troppo alto (la mania del paradiso in terra). In realtà la cosa migliore è sempre confrontare fra le cose come sono andate e come avrebbero potuto andare e non con come avrebbero DOVUTO andare. Questo certo non toglie la nostra insoddisfazione. Quella è un’altra valutazione, del tipo: avrei fatto meglio a non fare nulla? Cioè mi sarei forse avvelenato meno il sangue. E’ chiaro che ognuno di noi non può pretendere da se stesso di sopportare troppe frustrazioni per il bene comune. In altre parole, ne è valsa la pena? La mia insoddisfazione ha prodotto un risultato globale sufficientemente positivo che lenisce la mia frustrazione? E’ però chiaro che se sommiamo la nostra insoddisfazione al fatto che le cose non sono andate in modo perfetto, allora non vale mai la pena fare nulla.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in FILOSOFIA MORALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...