MONTI E LA DEMOCRAZIA

Qui trovate la presentazione del programma di Governo di Mario Monti al Senato. E’ difficile non consentire con ogni parte del discorso del Presidente incaricato. Sappiamo però che la Lega è del tutto contro, IDV, cioè Di Pietro, lo appoggia molto tiepidamente e Popolo della libertà e PD lo sostengono, ma ne hanno anche paura. L’unico partito, triste a dirsi, che è pienamente in linea con Monti è il terzo polo, forse però per la forte componente cattolica nell’esecutivo.

Tutto ciò significa che questo nuovo Ministero, che si sta insediando, è estremamente fragile. Non so che cosa ne pensino gli italiani, ma ho paura che in media, dal Manifesto al Giornale, i dubbi espressi sulla poca democraticità dell’insediamento e i soliti discorsi sostanzialmente infondati che Monti sarebbe l’uomo delle banche e delle multinazionali,  anche gli italiani non amino molto questo governo, esattamente come la stampete di cialtroni che hanno eletto in parlamento. Platone, Aristotele e Hobbes erano contro la democrazia, proprio perché la democrazia vuol dire non elezione dei migliori, ma dei più persuasivi. Tocqueville, che meglio di ogni altro ha messo a nudo i problemi della democrazia, non si dimenticava mai di ribadire che lui era comunque favorevole alla democrazia. Pensatori comunisti come Canfora e Losurdo continuano ad affermare che la democrazia nasconderebbe gli interessi del capitalismo, per cui sono sostanzialmente antidemocratici. Lo stesso Papa ribadisce sempre che lo stato liberale non è in grado di reggersi da solo. Comunisti e cattolici integralisti pretendono di sapere come dover indirizzare la politica, anche contro le decisioni della maggioranza. Ma l’unica cosa che la maggioranza deve rispettare sono i diritti della minoranza. E questo Governo è proprio espressione di quella minoranza che per una settimana, forse un mese, forse un anno o anche fino alla fine della legislatura, avrà un suo spazio. ma la maggioranza può in ogni momento uccidere le poche speranze dell’Italia buttando giù questo governo.

Advertisements

1 Commento

Archiviato in POLITICA

Una risposta a “MONTI E LA DEMOCRAZIA

  1. Per quello che ho visto io mi sembra che ci sia grande entusiasmo per Monti, se non altro per la ventata di normalita’ che ci ha portato. Riguardo la fragilita’ mi viene da pensare alla famosa definizione dell’Italia come repubblica preterintenzionale, che vince i mondiali dopo Moggi, che inventa la Resistenza dopo Mussolini. La sensazione (la speranza!) e’ che il governo Monti ci salvi dal baratro con il sostegno degli italiani, perche’ gli italiani si ricordano di se stessi solo quando arrivano all’estremo. Ovviamente e’ tutto da vedere…. sono solo suggestioni. vedremo 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...