LE FALLACIE SONO UNA FALLACIA

Fin dai tempi di Aristotele, fondatore della logica, si è parlato di fallacie. Lo Stagirita li chiamava “argomenti sofistici”. In realtà la nozione di fallacia si è imposta quando si è pensato che esistesse UNA logica, cosa di cui Aristotele non era convinto. Oggi sappiamo che esistono tante logiche. Questo non significa che il carattere normativo della logica sia scomparso, ma solo che esso è sempre frutto di quello che Nelson Goodman chiamava “equilibrio riflessivo”; cioè le regole che scegliamo possono cambiare a seconda del contesto dell’argomentazione e a seconda delle conseguenze che comportano. Così le regole della logica modale possono essere molto diverse, a seconda di come vogliamo irregimentare le nozioni di possibilità e necessità. Lo stesso vale in altri casi. Questo significa che non è così semplice parlare di fallacie, visto che non è definitivamente chiaro quale sia il sistema di norme che viene violato. Infatti una fallacia sarebbe un ragionamento che sembra valido e invece non lo è, ma valido rispetto a quale insieme di regole? Facciamo un esempio. Una delle fallacie più famose è quella che i medioevali chiamavano “del conseguente”: se vale “A implica B” e “B” non posso dedurre A, anche se sembrerebbe valido. Ad esempio, da “Se piove prendo l’ombrello” e “ho preso l’ombrello” non possiamo dedurre “piove”. Sicuramente questa è una fallacia se ci riferiamo al calcolo proposizionale come norma accettata. Tuttavia in un contesto induttivo, questo schema argomentativo è tipico dell’abduzione e ha una certa validità. Lo usa ad esempio il medico: “Se X ha la scarlattina, allora la sua pelle si copre di chiazze”, “la pelle di X si è coperta di chiazze”, quindi “X ha la scarlattina”. Dunque si può parlare di fallacie solo se il sistema di norme di riferimento viene esplicitato, ovvero un argomento non è una fallacia in assoluto, ma rispetto a un sistema di regole.  Una fallacia, o meglio un argomento sofistico, è un ragionamento che sembra convincente e in realtà segue regole che in quel contesto non sono valide.

Advertisements

1 Commento

Archiviato in FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Una risposta a “LE FALLACIE SONO UNA FALLACIA

  1. der kompass

    mi sembra tutto piuttosto confuso. sarebbe come dire che ognuno può “ragionare” come vuole, dandosi le regole di volta in volta, e che questo è il modo non incorrere in fallacie logiche? ma non vi sono regole comuni per il ragionamento? e poi: se mi copro di chiazze, non è affatto detto cheio abbia la scarlattina. la cause delle chiazze sono molteplici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...