L’INVIDIA E IL BICCHIERE CHE DA PIENO DIVENTA VUOTO

E’ un fatto assodato che noi siamo invidiosi soprattutto dei nostri vicini e simili. Siamo molto più invidiosi del nostro vicino di stanza che ha ottenuto la promozione, piuttosto che di Obama che è stato rieletto Presidente degli Stati Uniti. Gli psicologi evoluzionisti spiegano questo rifacendosi ai celebri 100mila anni che abbiamo passato nella savana, dove questa invidia per il vicino poteva in effetti aumentare la nostra fitness darwiniana. Inseguiti entrambi da un leone, sarebbe stato sufficiente correre un po’ più veloce di lui e avere salva la vita. Questo tipo di spiegazioni sono abbastanza azzardate, perché non si basano su una serie di adattamenti, come quelle seriamente evoluzionistiche. Inoltre l’invidia non è tanto il desiderio di fare meglio del vicino, che sarebbe vincente, quanto il danneggiarlo se fa meglio di noi. In effetti mentre corriamo inseguiti dal leone potrei fargli lo sgambetto e così lui verrebbe mangiato.

A questa invidia per il vicino si associa un’altra caratteristica umana, cioè il fatto che noi, sia in campo percettivo, che in ambiti più astratti, cogliamo molto bene le differenze e non i valori assoluti. Di questo ci sono innumerevoli casi. Ad esempio ci sembra meno caro un orologio che costa 100 euro se lo vediamo in vetrina accanto a un orologio che costa 200 rispetto a se fosse vicino a uno che costa 50.

L’invidia per il vicino e l’indifferenza per chi è lontano assieme alla chiara percezione delle differenze e alla incapacità di cogliere i valori assoluti ci portano a stare malissimo se guadagniamo 20mila euro all’anno lordi mentre il nostro vicino di casa ne guadagna 21mila, e non pensiamo che in media nel mondo i 7 miliardi di abitanti ne guadagnano 1000!

Dovremmo però ricordarci che siamo anche in grado di pensare, non solo di sentire con la nostra pancia. E allora il bicchiere da quasi vuoto diventerebbe quasi pieno.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in FILOSOFIA MORALE, SOCIETA'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...